Archivio News
Giudice di Pace di Asti e Alba Si allegano Provvedimenti emessi dal Presidente del Tribunale di Asti, in data 01 aprile 2020, riferiti al GDP di Asti e Alba.
Allegati
Cassa Forense Provvedimenti Il Consiglio di Amministrazione, nel corso della riunione tenuta in data 02/04/2020 e, nell’ambito dei poteri previsti da Statuto e Regolamenti, ha adottato all’unanimità misure di natura straordinaria a favore dei propri
Iscritti, sia sotto il profilo degli adempimenti previdenziali sia per quanto riguarda ulteriori interventi di natura assistenziale e di sostegno alla professione, come descritto nel provvedimento allegato.
Allegati
Protocollo convalida di arresto o fermo Si allega Protocollo siglato dal Tribunale e dall'Ordine degli Avvocati di Asti per lo svolgimento delle udienze di convalida di arresto o fermo da remoto. Gli Avvocati interessati sono tenuti ad attenersi a tale protocollo
Allegati
Cassa Forense Bonus Professionisti Si comunica che Cassa Forense ha attivato, a partire dalle ore 12.00 del 01/04/2020, la procedura per il riconoscimento una tantum dell'importo di euro 600, a sostegno del reddito in conseguenza dell'emergenza epidemiologica da Covid 19.
Le modalità di presentazione dell'istanza sono descritte nella comunicazione allegata.
Allegati
Proroga iscrizione Albo Cassazione Vi comunico che, sul Sito del Consiglio Nazionale Forense, è stata pubblicata comunicazione relativa alla proroga del termine finale per la presentazione della certificazione relativa al possesso dei requisiti ai sensi dell’art. 1 del Bando per l’ammissione al Corso propedeutico all’iscrizione nell’Albo speciale per il patrocinio dinanzi alle Giurisdizioni superiori - Protocollo CNF: AMM21/10/19_036334U - Il termine già fissato al 10 aprile 2020, è stato prorogato al 15 maggio 2020.
Cordiali saluti
Avv. Marco Venturino
CNF Aggiornamento Vi comunico che il CNF ha pubblicato una Scheda di lettura (allegata) del DPCM del 22 marzo 2020, che analizza anche la normativa nazionale emergenziale riguardante gli studi legali.
Cordiali saluti
Il Presidente
avv. Marco Venturino
Allegati
Unep Asti si allega provvedimento emesso dall'Ufficio NEP di Asti, in data 21 marzo 2020.
Allegati
Cassa Forense Emergenza Covid 19
Cassa Forense ha deliberato la sospensione dei termini di tutti i versamenti e di tutti gli adempimenti contributivi fino al 30 settembre 2020
- Comunicato in allegato -
Allegati
Comunicazione Urgente Care Colleghe, cari Colleghi,

Vi aggiorno, per quanto allo stato possibile, sulle novità relative all'attività giudiziaria e dell’Ordine, anche all'esito della riunione straordinaria del Consiglio dell’Ordine appena conclusa.

DECRETO LEGGE n. 11/2020

Come certamente sapete, ieri sera è stato pubblicato il decreto-legge 8 marzo 2020 n. 11, “Misure straordinarie per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenere gli effetti negativi sullo svolgimento dell’attività giudiziaria”, consultabile su questo link: https://www.camerepenali.it/public/file/Governo/DL-08-03-2020-n-11.pdf Il suo contenuto corrisponde a quanto preannunciato nella mia mail di ieri. Ieri era stata emanata un’anticipazione esplicativa (“Comunicato urgente” del Ministero della Giustizia), reperibile sul seguente link https://www.consiglionazionaleforense.it/documents/20182/674258/DL+Cornavirus+-+Comunicato+urgente+17.09.pdf/1f1f4730-f85d-4b8b-8bc3-2146101dcca3 In Consiglio si è discusso sull’interpretazione da dare alla norma che prevede la sospensione dei termini processuali (art. 1, comma 2 del d.l.), poiché il “Comunicato urgente” di ieri sembrerebbe collegare la sospensione dei termini al presupposto che si tratti di “procedimenti rinviati”, espressione non preclara. Parrebbe invece, dalla lettura della norma (art. 1, commi 1 e 2 combinati), che nei procedimenti nei quali le udienze sono o sarebbero da rinviare (se fissate nel periodo fino al 22 marzo) i termini siano sospesi sino al 22 marzo, indipendentemente dal fatto che nel periodo in questione il singolo procedimento abbia o no un’udienza fissata. La sospensione riguarda quindi la tipologia di procedimento: questa, sottolineo, è (solo) l’opinione emersa in Consiglio. La sospensione appare invece di difficile applicazione per i termini a ritroso, non essendo stato possibile conoscere a priori della sospensione (es.: per un dibattimento fissato poco dopo il 22 marzo, la lista testi non potrà che essere depositata nel rispetto del termine di legge, senza poter fruire della sospensione).

TRIBUNALE DI ASTI – GDP ASTI E ALBA

Per quanto concerne le udienze fissate al Tribunale di Asti (e se ne deduce anche davanti ai Giudici di Pace di Asti e Alba) , fino a revoca del provvedimento 7 marzo del Presidente del Tribunale di Asti (già trasmessoVi ieri) “tutte le udienze civili e penali ad eccezione di quelle indifferibili ed urgenti sono automaticamente rinviate” a data da destinarsi. Abbiamo approfondito con il Presidente del Tribunale il significato dell’espressione. Si deve prescindere dai concetti usuali (tali per cui si considerano urgenti le udienze di famiglia e presidenziali, le procedure prefallimentari, i procedimenti “d’urgenza” quali sfratti, art. 700 c.p.c. e altri procedimenti sommari e cautelari). Saranno celebrati solo quelli in concreto e dimostratamente urgenti (TSO, direttissime e convalide di arresto o fermo, e simili). Anche, ad es., un ricorso per danno temuto o un “700” ove si alleghi un incombente danno grave e irreparabile potrebbe essere celebrato, dopo essersi, ritengo, confrontati con il Magistrato o il Presidente. Gli altri sono rinviati senza la presenza delle parti.

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI ASTI

Trovate qui il link http://www.procura.asti.it/allegatinews/A_28502.pdf grazie al quale consultare il provvedimento del Procuratore della Repubblica di Asti, di contenuto analogo a quello 7 marzo del Presidente del Tribunale. Nei prossimi giorni si cercherà di intendersi sugli atti depositabili per via telematica.

UFFICIALI GIUDIZIARI – UNEP presso Tribunale di Asti

Ecco il link ove consultare il provvedimento del Presidente del Tribunale relativo all'accettazione e restituzione di atti fino al 23 marzo: http://www.tribunale.asti.giustizia.it/allegatinews/A_28468.pdf

Ecco invece il link http://www.tribunale.asti.giustizia.it/allegatinews/A_28526.pdf per accedere alle note contenenti disposizioni urgenti relative all'attività esterna dell'UNEP Asti. Come potete leggere, pur essendo anche per le attività degli Ufficiali Giudiziari prioritaria l’esigenza di tutelare la salute e di prevenire in ogni modo possibilità ulteriori di diffusione del virus, non tutto può essere rinviato. Non posso, con riferimento ai precetti (per i quali non opera la sospensione dei termini) in scadenza, che appellarmi alla sensibilità di tutti Voi, acconsentendo, fin dove possibile senza danneggiare gli interessi dei clienti, a lasciare scadere il termine di efficacia del precetto, con successiva sua rinnovazione, qualora non vi sia reale urgenza. Si evidenzia, in accordo con il Dott. Passantino, Ufficiale Giudiziario Dirigente, che in caso di rinvio di esecuzioni e sfratti (punto “b” della nota allegata) è necessario comunque presentare e ripresentare gli atti all'accettazione al fine di ottenere il rinvio d’ufficio e quindi l’esecuzione, onde evitare che la procedura possa ritenersi abbandonata.

SEGRETERIA ORDINE

La Segreteria, in aderenza alle esigenze di natura sanitaria ed emergenziale ben note e alle indicazioni del recente decreto, resterà chiusa agli utenti (Avvocati compresi) sino al 3 aprile 2020; è possibile telefonare in Segreteria con orario 9-12, dal lunedì al venerdì, inviare e-mail e depositi telematici.

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE

Le sedute di mediazione fissate sino al 3 aprile sono rinviate automaticamente, i Mediatori comunicheranno, coordinandosi fra di loro e con la Segreteria, le nuove date in modo tale che, alla ripresa dell’attività, non vi siano eccessive udienze in concomitanza. Per le domande di mediazione che saranno depositate in questo periodo verrà fissata udienza successiva al 3 aprile. Onde evitare decadenze eventuali, le parti e i Mediatori potranno accordarsi per tenere le sedute con modalità da remoto.

ASSEMBLEA ORDINARIA ANNUALE

L’Assemblea, già fissata per il 19 marzo, è rinviata a data da destinarsi.

FORMAZIONE CONTINUA

Tutti gli eventi fissati nel periodo indicato dal governo (3 aprile 2020 compreso) sono rinviati a data da destinarsi. In coordinamento con il CNF saranno inviate successive indicazioni per coordinare il fabbisogno formativo con le attuali emergenze.

TIROCINIO

I Praticanti che necessitano, per completare il semestre, di assistere a udienze in questo periodo sono invitati a segnalarlo per e-mail o p.e.c. all’Ordine, che adotterà eventuali provvedimenti, alla luce dei casi concreti e delle eventuali indicazioni ricevute a livello nazionale.

ALTRI UFFICI GIUDIZIARI

Qui trovate i link per i provvedimenti emergenziali di Tribunale per i Minorenni (http://www.tribunaleminori.torino.it/allegatinews/A_28578.pdf) e Tribunale di Sorveglianza di Torino (link 1 http://www.tribunalesorveglianza.torino.it/allegatinews/A_28557.pdf) (link 2 http://www.tribunalesorveglianza.torino.it/allegatinews/A_28555.pdf), in allegato provvedimenti di Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte e Segretariato Generale della Giustizia Amministrativa, della Commissione Tributaria Regionale per il Piemonte.

CONSIGLIO DELL’ORDINE

Nei limiti del possibile e del rispetto delle prescrizioni d’emergenza, il COA assolverà gli adempimenti ordinari, anche in tema di iscrizioni/cancellazioni (le cui domande possono essere anticipate via pec e trasmesse in originale per posta), gratuito patrocinio, ecc.

UFFICIO FOTOCOPIE

L’Ufficio Fotocopie posto al piano II del Tribunale è momentaneamente chiuso, in caso di necessità urgente di copie ci si dovrà rivolgere agli uffici giudiziari.

AVVERTENZE E CONCLUSIONI

Naturalmente tutti i provvedimenti sopra citati potranno essere oggetto di modifiche e revoche, che l’Ordine cercherà di veicolare nel più breve tempo possibile. E’ pertanto superfluo dire che in ogni caso ogni ufficio giudiziario pubblica sul proprio sito le disposizioni di sua competenza e che è sempre buona norma consultarlo.

Resta da dire e ribadire che tutti noi siamo chiamati ad affrontare un periodo di estrema difficoltà e responsabilità, quale mai abbiamo conosciuto, per lo meno non le generazioni che hanno avuto la fortuna di non vivere direttamente una guerra: le prescrizioni impartite in merito all'attività giudiziaria sono volte a tutelare la salute di tutti, e quindi nostra come degli altri operatori e utenti. Molte limitazioni normative possono sembrare, a seconda dei casi, eccessive, ingiuste o irrazionali, ma le autorità competenti le hanno ritenute necessarie per salvare vite umane a costo di gravissimi sacrifici, di tutti e di moltissime categorie produttive in particolare: è dunque un interesse che supera ogni altro. Nel corso della riunione del COA ci siamo interrogati sul bilanciamento fra le limitazioni alla mobilità poste dal decreto e l’adempimento del nostro dovere professionale, ipotizzando la fissazione di udienze urgenti (es. una convalida d’arresto) all'interno della nostra zona (non a rigore “rossa” ma definita “area a contenimento rafforzato”) o in altro Foro. Nei casi in cui la partecipazione all'udienza richiedesse di esorbitare dalla nostra “area” (o di entrarvi per chi risieda ed eserciti al di fuori, penso agli amici di Alba, Bra, Carmagnola, o di altri Fori), non c’è dubbio che sul piano strettamente normativo la partecipazione all'udienza (con connessi spostamenti) potrebbe risultare (in attesa di più stringenti interpretazioni) giustificata dalla documentata esigenza lavorativa e dal dovere deontologico. Ma se si pensa che per far ciò scientemente (in quanto zona ad alto rischio di contagio, e dunque provenienti da tale zona o ivi diretti) potremmo mettere a rischio la salute – o la vita - di una pluralità indefinita di persone, e forse anche la nostra, il confine del dovere può spostarsi, e forse anche la deontologia imporrebbe prudenza. Quali Avvocati siamo i depositari, responsabilizzati, dell’altissima funzione pubblica della tutela dei diritti, e fra questi diritti quello alla salute non è certamente secondario. Credo dunque, e con me il Consiglio, che sia decisamente preferibile in tali casi avvalersi dell’opera di codifensori o sostituti processuali, o chiedere, ove possibile, differimenti motivati, e spiegare ai clienti, che comprensibilmente storceranno il naso, la necessità di una tale dolorosa ma responsabile scelta.

Rinnovando la manifestazione di piena disponibilità, dei Consiglieri e mia, per qualsiasi Vostra necessità o dubbio, Vi saluto caramente.
Il Presidente
Avv. Marco Venturino
Allegati
Comunicazione Urgente Care Colleghe, cari Colleghi,

Vi aggiorno, per quanto allo stato possibile, sulle novità relative all'attività giudiziaria e dell’Ordine, anche all'esito della riunione straordinaria del Consiglio dell’Ordine appena conclusa.

DECRETO LEGGE n. 11/2020

Come certamente sapete, ieri sera è stato pubblicato il decreto-legge 8 marzo 2020 n. 11, “Misure straordinarie per contrastare l’emergenza epidemiologica da COVID-19 e contenere gli effetti negativi sullo svolgimento dell’attività giudiziaria”, consultabile su questo link: https://www.camerepenali.it/public/file/Governo/DL-08-03-2020-n-11.pdf Il suo contenuto corrisponde a quanto preannunciato nella mia mail di ieri. Ieri era stata emanata un’anticipazione esplicativa (“Comunicato urgente” del Ministero della Giustizia), reperibile sul seguente link https://www.consiglionazionaleforense.it/documents/20182/674258/DL+Cornavirus+-+Comunicato+urgente+17.09.pdf/1f1f4730-f85d-4b8b-8bc3-2146101dcca3 In Consiglio si è discusso sull’interpretazione da dare alla norma che prevede la sospensione dei termini processuali (art. 1, comma 2 del d.l.), poiché il “Comunicato urgente” di ieri sembrerebbe collegare la sospensione dei termini al presupposto che si tratti di “procedimenti rinviati”, espressione non preclara. Parrebbe invece, dalla lettura della norma (art. 1, commi 1 e 2 combinati), che nei procedimenti nei quali le udienze sono o sarebbero da rinviare (se fissate nel periodo fino al 22 marzo) i termini siano sospesi sino al 22 marzo, indipendentemente dal fatto che nel periodo in questione il singolo procedimento abbia o no un’udienza fissata. La sospensione riguarda quindi la tipologia di procedimento: questa, sottolineo, è (solo) l’opinione emersa in Consiglio. La sospensione appare invece di difficile applicazione per i termini a ritroso, non essendo stato possibile conoscere a priori della sospensione (es.: per un dibattimento fissato poco dopo il 22 marzo, la lista testi non potrà che essere depositata nel rispetto del termine di legge, senza poter fruire della sospensione).

TRIBUNALE DI ASTI – GDP ASTI E ALBA

Per quanto concerne le udienze fissate al Tribunale di Asti (e se ne deduce anche davanti ai Giudici di Pace di Asti e Alba) , fino a revoca del provvedimento 7 marzo del Presidente del Tribunale di Asti (già trasmessoVi ieri) “tutte le udienze civili e penali ad eccezione di quelle indifferibili ed urgenti sono automaticamente rinviate” a data da destinarsi. Abbiamo approfondito con il Presidente del Tribunale il significato dell’espressione. Si deve prescindere dai concetti usuali (tali per cui si considerano urgenti le udienze di famiglia e presidenziali, le procedure prefallimentari, i procedimenti “d’urgenza” quali sfratti, art. 700 c.p.c. e altri procedimenti sommari e cautelari). Saranno celebrati solo quelli in concreto e dimostratamente urgenti (TSO, direttissime e convalide di arresto o fermo, e simili). Anche, ad es., un ricorso per danno temuto o un “700” ove si alleghi un incombente danno grave e irreparabile potrebbe essere celebrato, dopo essersi, ritengo, confrontati con il Magistrato o il Presidente. Gli altri sono rinviati senza la presenza delle parti.

PROCURA DELLA REPUBBLICA PRESSO IL TRIBUNALE DI ASTI

Trovate qui il link http://www.procura.asti.it/allegatinews/A_28502.pdf grazie al quale consultare il provvedimento del Procuratore della Repubblica di Asti, di contenuto analogo a quello 7 marzo del Presidente del Tribunale. Nei prossimi giorni si cercherà di intendersi sugli atti depositabili per via telematica.

UFFICIALI GIUDIZIARI – UNEP presso Tribunale di Asti

Ecco il link ove consultare il provvedimento del Presidente del Tribunale relativo all'accettazione e restituzione di atti fino al 23 marzo: http://www.tribunale.asti.giustizia.it/allegatinews/A_28468.pdf

Ecco invece il link http://www.tribunale.asti.giustizia.it/allegatinews/A_28526.pdf per accedere alle note contenenti disposizioni urgenti relative all'attività esterna dell'UNEP Asti. Come potete leggere, pur essendo anche per le attività degli Ufficiali Giudiziari prioritaria l’esigenza di tutelare la salute e di prevenire in ogni modo possibilità ulteriori di diffusione del virus, non tutto può essere rinviato. Non posso, con riferimento ai precetti (per i quali non opera la sospensione dei termini) in scadenza, che appellarmi alla sensibilità di tutti Voi, acconsentendo, fin dove possibile senza danneggiare gli interessi dei clienti, a lasciare scadere il termine di efficacia del precetto, con successiva sua rinnovazione, qualora non vi sia reale urgenza. Si evidenzia, in accordo con il Dott. Passantino, Ufficiale Giudiziario Dirigente, che in caso di rinvio di esecuzioni e sfratti (punto “b” della nota allegata) è necessario comunque presentare e ripresentare gli atti all'accettazione al fine di ottenere il rinvio d’ufficio e quindi l’esecuzione, onde evitare che la procedura possa ritenersi abbandonata.

SEGRETERIA ORDINE

La Segreteria, in aderenza alle esigenze di natura sanitaria ed emergenziale ben note e alle indicazioni del recente decreto, resterà chiusa agli utenti (Avvocati compresi) sino al 3 aprile 2020; è possibile telefonare in Segreteria con orario 9-12, dal lunedì al venerdì, inviare e-mail e depositi telematici.

ORGANISMO DI MEDIAZIONE FORENSE

Le sedute di mediazione fissate sino al 3 aprile sono rinviate automaticamente, i Mediatori comunicheranno, coordinandosi fra di loro e con la Segreteria, le nuove date in modo tale che, alla ripresa dell’attività, non vi siano eccessive udienze in concomitanza. Per le domande di mediazione che saranno depositate in questo periodo verrà fissata udienza successiva al 3 aprile. Onde evitare decadenze eventuali, le parti e i Mediatori potranno accordarsi per tenere le sedute con modalità da remoto.

ASSEMBLEA ORDINARIA ANNUALE

L’Assemblea, già fissata per il 19 marzo, è rinviata a data da destinarsi.

FORMAZIONE CONTINUA

Tutti gli eventi fissati nel periodo indicato dal governo (3 aprile 2020 compreso) sono rinviati a data da destinarsi. In coordinamento con il CNF saranno inviate successive indicazioni per coordinare il fabbisogno formativo con le attuali emergenze.

TIROCINIO

I Praticanti che necessitano, per completare il semestre, di assistere a udienze in questo periodo sono invitati a segnalarlo per e-mail o p.e.c. all’Ordine, che adotterà eventuali provvedimenti, alla luce dei casi concreti e delle eventuali indicazioni ricevute a livello nazionale.

ALTRI UFFICI GIUDIZIARI

Qui trovate i link per i provvedimenti emergenziali di Tribunale per i Minorenni (http://www.tribunaleminori.torino.it/allegatinews/A_28578.pdf) e Tribunale di Sorveglianza di Torino (link 1 http://www.tribunalesorveglianza.torino.it/allegatinews/A_28557.pdf) (link 2 http://www.tribunalesorveglianza.torino.it/allegatinews/A_28555.pdf), in allegato provvedimenti di Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte e Segretariato Generale della Giustizia Amministrativa, della Commissione Tributaria Regionale per il Piemonte.

CONSIGLIO DELL’ORDINE

Nei limiti del possibile e del rispetto delle prescrizioni d’emergenza, il COA assolverà gli adempimenti ordinari, anche in tema di iscrizioni/cancellazioni (le cui domande possono essere anticipate via pec e trasmesse in originale per posta), gratuito patrocinio, ecc.

UFFICIO FOTOCOPIE

L’Ufficio Fotocopie posto al piano II del Tribunale è momentaneamente chiuso, in caso di necessità urgente di copie ci si dovrà rivolgere agli uffici giudiziari.

AVVERTENZE E CONCLUSIONI

Naturalmente tutti i provvedimenti sopra citati potranno essere oggetto di modifiche e revoche, che l’Ordine cercherà di veicolare nel più breve tempo possibile. E’ pertanto superfluo dire che in ogni caso ogni ufficio giudiziario pubblica sul proprio sito le disposizioni di sua competenza e che è sempre buona norma consultarlo.

Resta da dire e ribadire che tutti noi siamo chiamati ad affrontare un periodo di estrema difficoltà e responsabilità, quale mai abbiamo conosciuto, per lo meno non le generazioni che hanno avuto la fortuna di non vivere direttamente una guerra: le prescrizioni impartite in merito all'attività giudiziaria sono volte a tutelare la salute di tutti, e quindi nostra come degli altri operatori e utenti. Molte limitazioni normative possono sembrare, a seconda dei casi, eccessive, ingiuste o irrazionali, ma le autorità competenti le hanno ritenute necessarie per salvare vite umane a costo di gravissimi sacrifici, di tutti e di moltissime categorie produttive in particolare: è dunque un interesse che supera ogni altro. Nel corso della riunione del COA ci siamo interrogati sul bilanciamento fra le limitazioni alla mobilità poste dal decreto e l’adempimento del nostro dovere professionale, ipotizzando la fissazione di udienze urgenti (es. una convalida d’arresto) all'interno della nostra zona (non a rigore “rossa” ma definita “area a contenimento rafforzato”) o in altro Foro. Nei casi in cui la partecipazione all'udienza richiedesse di esorbitare dalla nostra “area” (o di entrarvi per chi risieda ed eserciti al di fuori, penso agli amici di Alba, Bra, Carmagnola, o di altri Fori), non c’è dubbio che sul piano strettamente normativo la partecipazione all'udienza (con connessi spostamenti) potrebbe risultare (in attesa di più stringenti interpretazioni) giustificata dalla documentata esigenza lavorativa e dal dovere deontologico. Ma se si pensa che per far ciò scientemente (in quanto zona ad alto rischio di contagio, e dunque provenienti da tale zona o ivi diretti) potremmo mettere a rischio la salute – o la vita - di una pluralità indefinita di persone, e forse anche la nostra, il confine del dovere può spostarsi, e forse anche la deontologia imporrebbe prudenza. Quali Avvocati siamo i depositari, responsabilizzati, dell’altissima funzione pubblica della tutela dei diritti, e fra questi diritti quello alla salute non è certamente secondario. Credo dunque, e con me il Consiglio, che sia decisamente preferibile in tali casi avvalersi dell’opera di codifensori o sostituti processuali, o chiedere, ove possibile, differimenti motivati, e spiegare ai clienti, che comprensibilmente storceranno il naso, la necessità di una tale dolorosa ma responsabile scelta.

Rinnovando la manifestazione di piena disponibilità, dei Consiglieri e mia, per qualsiasi Vostra necessità o dubbio, Vi saluto caramente.
Il Presidente
Avv. Marco Venturino
Allegati
<<<

 

 


Ordine degli Avvocati della provincia di Asti - Palazzo di Giustizia - Via Govone, 9 - 14100 Asti
Tel. 0141-593204 - Fax 0141/558058 - email: segreteria@ordineavvocatiasti.it - Cod. Fiscale - P. IVA 80010790055 - Cod. IPA UFLEA9
(c) 2013 Sintresis s.r.l.